Close

Premi In/Architettura: edizione 2020 e aggiornamenti

Aggiornamento 2/05/2020

A causa dell’emergenza sanitaria e per consentire la più ampia partecipazione, IN/ARCH e i promotori dei “Premi In/Architettura 2020” hanno deciso di PROROGARE la scadenza delle candidature al 18 LUGLIO 2020.

Progettisti, imprese di costruzioni, committenti possono candidare OPERE REALIZZATE in Italia tra il 2014 e il 2020, attraverso il portale Archilovers

Informazioni dettagliate sulle modalità di partecipazione al link del concorso.

 

Tutti gli aggiornamenti sono pubblicati in tempo reale sui profili Instagram e Facebook di IN/ARCH Sardegna.

In/Arch, ANCE e Archilovers lanciano uno sguardo oltre la crisi

Pur in un momento difficile come quello che stiamo vivendo in queste settimane, l’In/Arch – Istituto Nazionale di Architettura e ANCE, in collaborazione con Archilovers, avviano i Premi In/Architettura 2020 (link esterno). Un’iniziativa, da svolgersi esclusivamente online, per lanciare uno sguardo oltre la crisi, valorizzando le occasioni di architettura di qualità del nostro Paese e offrendo un contributo culturale per il rilancio di tutto il settore delle costruzioni.

A partire da ieri, 17 marzo 2020, è possibile presentare le proprie candidature su Archilovers.

L’iniziativa si colloca nella lunga e prestigiosa tradizione dei premi In/Arch che, a partire dalla prima edizione del 1962, hanno rivestito un ruolo di grande importanza nel dibattito architettonico nazionale.

I Premi si sono sempre caratterizzati – unici in Italia – per un aspetto particolare: viene premiata l’opera di architettura come esito di un processo complesso che coinvolge tutti i passaggi della filiera produttiva: domanda, esigenze, programma, norme, risorse, progetto, realizzazione, controllo, gestione, manutenzione.

Di qui la scelta di premiare l’opera e i tre principali protagonisti che sono alla base della sua realizzazione: committente, progettista, costruttore.

I Premi In/Architettura sono articolati in Premi Regionali e Premi Nazionali. Questo consentirà, tra l’altro, un ampio monitoraggio sulle architetture di qualità realizzate in tutto il territorio nazionale.

“Per questo motivo – scriveva il prof. Vincenzo Cabianca presentando l’edizione dei premi IN/ARCH del 1966 – non diciamo che stiamo distribuendo dei premi: diciamo che stiamo tracciando il panorama della condizione italiana attraverso le sue architetture.”

Sono sei le categorie di Premi previste:
– premi per interventi di nuova costruzione
– premi per un interventi realizzati, progettati da giovani progettisti
– premio per un intervento di rigenerazione urbana
– premio per un intervento di riqualificazione edilizia
– premio “Bruno Zevi” per la diffusione della cultura architettonica
– premio alla Carriera.

A queste categorie si affiancano alcuni Premi Speciali, associati ad aziende e istituti di ricerca partner dei Premi IN/ARCHITETTURA 2020, ed in particolare:
– Premio Speciale Architettura solare in contesti di pregio (nell’ambito del Progetto “BIPV meets history”)
– Premio Speciale Listone Giordano
– Premio Speciale Manini Prefabbricati
– Premio Speciale Vimar
– Premio Speciale Willis Towers Watson.

Fino al 18 luglio 2020, progettisti, imprese di costruzioni, committenti possono candidare opere realizzate in Italia fra il 2014 e il 2020.

I Premi Regionali, selezionati da 9 diverse giurie, saranno assegnati nel corso di manifestazioni pubbliche organizzate dalle Sezioni Regionali IN/ARCH.

La Giuria Nazionale assegnerà, tra tutte le opere premiate a livello regionale, i Premi Nazionali che saranno proclamati nel corso di un evento che avrà luogo ad ottobre presso Ca’ Giustinian durante la Biennale di Venezia.

I Premi Nazionali sono patrocinati da ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Partner Nazionali dei Premi sono: Progetto “BIPV meets history”, Listone Giordano, Manini Prefabbricati, Vimar e Willis Towers Watson.

Condividi l'articolo:

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on email
Email

Altri articoli: